ASSAPORATE IL MEGLIO DELL’OVEST AD UN PREZZO IMBATTIBILE!

LOS ANGELES > LAUGHLIN > GRAND CANYON > HORSESHOE BEND > ANTELOPE CANYON > MONUMENT  VALLEY > MESA VERDE > CANYONLANDS > MOAB > ARCHES > CAPITOL REEF > BRYCE CANYON > ZION > LAS VEGAS > DEATH VALLEY > YOSEMITE > 17-MILE DRIVE > MONTEREY > SAN FRANCISCO

Da Ovest a Sud Ovest

11 giorni  e 10 notti

PROGRAMMA DI VIAGGIO

GIORNO 1 LUNEDÌ O MARTEDÌ

Los Angeles

Arrivo a Los Angeles e trasferimento in albergo con la navetta gratuita. Servizio di accoglienza incluso (nessun servizio di accoglienza in aeroporto tra le 22:00 e le 7:00).

GIORNO 2 MARTEDÌ O MERCOLEDÌ

Los Angeles > Laughlin (462 km)

Colazione continentale. Di mattina si visitano i punti più famosi della “Cittàdegli Angeli” come il famoso  Hollywood Boulevard, Il Teatro Cinese di Grauman, il “Walk of Fame”, Sunset Strip, le famose spiagge e Downtown di Los Angeles. Si continua attraversando il deserto Mojave fino a Laughlin, sul fiume Colorado. Cena in albergo.

GIORNO 3 MERCOLEDÌ O GIOVEDÌ

Laughlin > Parco Nazionale del Grand Canyon > Tuba City (464 km)

Colazione continentale. Dedichiamo il giorno alla visita di una delle sette meraviglie del mondo, il Grand Canyon. Questo paesaggio grandioso ispira e travolge i sensi per le sue dimensioni immense: lungo 227 miglia di fiume (446 km), largo fino a 18 miglia (29 km) e con la profondità di un miglio (1.600 m). Si continua lungo il bordo sud attraverso il Deserto Colorato e il vecchio Trading Post (Centro di Scambio) di Cameron prima di arrivare a Tuba City, l’ultima destinazione di oggi, situata nel cuore della riserva Navajo. Cena in un ristorante del posto.

GIORNO 4 GIOVEDÌ O VENERDÌ

Tuba City > Horseshoe Bend > Antelope Canyon > Monument Valley > Cortez (516 km)

Colazione continentale. Partenza di buon’ora da Tuba City, non dimenticate la macchina fotografica oggi. Si comincia la giornata con una breve passeggiata fino al punto di vista su Horseshoe Bend (Ferro di cavallo). Le acque del fiume Colorado, di un colore verde che contrasta con l’arenaria rossa Navajo, scorrono lentamente per 277 gradi intorno alla formazione. Questa è una delle immagini piùspettacolari e piùfotografate del Sudovest americano. Si continua con il tour del Canyon dell’Antilope in cui i raggi del sole, penetrando le alte mura dello strettissimo canyon, creano effetti spettacolari e immense opportunitàfotografiche. La prossima tappa è̀il parco tribale della Valle dei Monumenti, terra ancestrale degli indiani Navajo. Il panorama indimenticabile della valle presenta tavolieri, altopiani e pinnacoli. In serata si attraversa il Colorado e si arriva a Cortez, dove si passa la notte. Cena in un ristorante del posto.

GIORNO 5 VENERDÌ O SABATO

Cortez > Parco Nazionale di Mesa Verde > Canyonlands > Moab (379 km)

Colazione continentale. Ci si dirige verso il parco Nazionale di Mesa Verde, culla della cultura ancestrale degli Indiani dei Pueblos e patrimonio mondiale dell’UNESCO. Il parco contiene piùdi 600 case nella roccia. Nel pomeriggio proseguiremo per un punto panoramico da dove ammireremo il Parco Nazionale delle Canyonlands che contiene un paesaggio di vari colori eroso dal fiume Colorado e dai suoi affluenti che hanno creato canyon, tavolieri e altopiani. Cena e nottata nella pittoresca cittadina di Moab.

GIORNO 6 SABATO O DOMENICA

Moab > Parco Nazionale di Arches > Parco Nazionale di Capitol Reef > Bryce Canyon (427 km)

Colazione continentale. Il tour continua verso un altro splendido parco nazionale: Arches (Gli archi), una sinfonia di colori e forme creati dalle forze della natura. Si continua verso il Parco Nazionale di Capitol Reef, una zona di pareti rocciose somiglianti a scogliere culminanti in formazioni di arenaria bianca. L’ultima destinazione del giorno è Bryce. Cena in albergo.

GIORNO 7 DOMENICA O LUNEDÌ

Bryce Canyon > Parco Nazionale di Zion > Las Vegas (381 km)

Colazione continentale. Si parte per visitare Bryce Canyon dall’indimenticabile panorama: un disegno intricato di pinnacoli e grotte. Questo parco presenta una diversitàtale di colori e forme che perfino un artista di talento avrebbe difficoltàa catturarli. Segue la visita di un altro parco nazionale impressionante: Zion. Gli altopiani e i panorami di Zion lasciano senza fiato. Costeggiando il fiume Virgin entriamo nel deserto Mojave e nello stato del Nevada. Nel pomeriggio si arriva a Las Vegas, la cittàdelle luci.

GIORNO 8 LUNEDÌ O MARTEDÌ

Las Vegas > Parco Nazionale della Valle della Morte > Bakersfield (311 km)

Colazione continentale. Oggi visitiamo la Valle della Morte (Death Valley)*, il parco più vasto negli USA continentali, con i suoi punti più famosi: Zabriskie Point, il Centro Visitatori a Furnace Creek e Badwater, il punto più basso sotto il livello del mare nell’emisfero occidentale, uno scenario straordinario sotto il sole piùcaldo del mondo. In serata si arriva a Bakersfield, una cittadina molto tipicamente americana nella parte sud della Valle di San Joaquin e posto natale del Bakersfield sound. Cena.

*Quando la temperatura supera i 110 gradi F (43 gradi centigradi), l’itinerario saràLas Vegas > Calico > Bakersfield.

GIORNO 9 MARTEDÌ O MERCOLEDÌ

Bakersfield > Parco Nazionale di Yosemite >Modesto (451 km)

Colazione continentale. Oggi visitiamo Yosemite, il secondo parco nazionale della nazione e la destinazione turistica naturale più popolare in California. La valle di Yosemite presenta uno scenario magnifico di formazioni rocciose maestose e cascate. Nel pomeriggio si attraversa la fertile Valle San Joaquin, conosciuta come la fruttiera della nazione, fino a Modesto dove si passa la notte e si cena in un ristorante del posto.

GIORNO 10 MERCOLEDÌ O GIOVEDÌ

Modesto > 17- Mile Drive > Monterey > San Francisco (395 km)

Colazione continentale. Dalla zona di Yosemite si attraversa la regione ai piedi della Sierra Nevada, il teatro della febbre dell’oro in California, andando verso Monterey, la prima capitale della California. Dopo una fermata in questa splendida cittadina costiera percorriamo il 17-Mile Drive (percorso delle 17 miglia) noto per gli esclusivi campi da golf, viste panoramiche e una fauna particolare. Si continua verso nord fino a San Francisco, sulla bellissima baia omonima. All’arrivo tour di orientamento di una delle cittàpiùbelle d’America: Il Civic Center, Union Square, Chinatown e il Fisherman’s Wharf che offre una vista dell’isola di Alcatraz. Cena di addio in un ristorante del posto.

GIORNO 11 GIOVEDÌ O VENERDÌ

San Francisco Colazione continentale. Trasferimento all’aeroporto con navetta.