1.GIORNO Bologna – Mosca – Yerevan

Partenza con volo di linea via Mosca. Arrivo a Yerevan in mattinata e disbrigo delle formalità doganali. Trasferimento in hotel e tempo per riposo, relax o visite individuali della capitale. Costruita sulle sponde del fiume Hrazdan con sfondo il mitico Ararat, la capitale dell’Armenia è una moderna metropoli eurasiatica, dove la tradizione si incontra con il modernismo. La moderna Yerevan è un complesso impressionante di architettura sovietica monumentale con ampi viali, enormi piazze e parchi verdi. Edifici neoclassici e strutture moderne completano la scenografia unica di una città che conta secoli di presenza ininterrotta sulla mappa storica. All’ombra della Storia, una vita culturale intensa e una vivace ‘’cultura di strada’’ con temperamento mediterraneo, mostrano il volto moderno di una città da scoprire. Pranzo, cena e pernottamento a Yerevan.

2.GIORNO Yerevan

Pensione completa. In mattinata inizio visite con panoramica del centro città dalla Piazza della Repubblica al Teatro dell’Opera, attraverso i numerosi parchi e, nel cuore cittadino, la nuova grande cattedrale dedicata a San Gregorio Lusavorich, inaugurata nel 2001 per celebrare i 1.700 anni dalla conversione armena al cristianesimo. Pernottamento a Yerevan.

 3.GIORNO Yerevan/Echmiatsin/ Zvartnots/ Saghmosavank/Distilleria del Brandy/Yerevan

Dopo la prima colazione partenza per Echmiadzin, centro della chiesa apostolica armena e luogo dove è nata una delle prime chiese cristiane nel mondo. Qui si trova anche la residenza del Catholicos, il capo della chiesa armena. Visita alla Cattedrale di Echmiadzin, costruita tra gli anni 301 – 303 d.C dal re armeno Tiridate III e il primo Catholicos Armeno, S. Gregorio l’Illuminatore. Rientro a Yerevan con sosta presso le rovine del tempio di Zvartnots “Tempio del Paradiso degli Angeli”, questa perla d’architettura armena fu eretta a metà del 7° secolo ed è considerata una delle meraviglie architettoniche dell’Armenia. Tradizionalmente si trova nel posto dove si sono incontrati il re Tiridate III e San Gregorio l’Illuminatore, dopo la liberazione del Santo dalla prigione. Il tempio fu distrutto da un forte terremoto nel 10° secolo, nonostante ciò le sue rovine colpiscono per le proporzioni e la ricchezza delle decorazioni scultoree. Rientrando a Yerevan, sosta alla Yerevan Brandy Company, che oggi fa parte del gruppo francese Pernod-Ricard. Le cantine dell’azienda contengono botti risalenti al XIX secolo. Le visite durano 75 minuti, compresa la degustazione e terminano nel negozio di souvenir. Pernottamento in albergo a Yerevan.

4.GIORNO Yerevan/Khor Virap/ Areni/ Noravank/ Yerevan

Pensione completa. Partenza per il monastero di Khor Virap (17° sec.), sorto sul luogo dove fu imprigionato Gregorio l’Illuminatore, prima della proclamazione del Cristianesimo come religione di stato nel 301. Dal monastero si apre una stupenda vista al Monte Biblico Ararat dove discese l’Arca di Noè. Lasciato il monastero sosta in un’azienda vinicola di Areni per una visita ai vigneti locali e e una breve degustazione dei prodotti. Proseguimento per il monastero di Noravank, un grande centro religioso e culturale del 13° sec. che si trova a 122 km da Yerevan, in un luogo inaccessibile immerso in un paesaggio stupendo. La struttura più antica del complesso monastico era la chiesa di S. Karapet (9°-10° sec.) della quale non è rimasto più nulla. Il gavit della chiesa principale risale al 13° sec. è stato costruito da Momik, uno dei più grandi architetti e scultori armeni. Rientro nella capitale. Pernottamento in albergo a Yerevan.

5.GIORNO Yerevan/ Sevan Lake/ Sevanavank/ Dilijan/ Goshavank/Yerevan

La mattina partenza per il passo di Selim, situato su una delle rotte della Grande Via della Seta medievale. Visita al Caravanserraglio di Selim costruito nel 1332 dal principe Cesare Orbelyan. Al commercio internazionale gli armeni partecipavano con i propri prodotti esportando cavalli, sale, frutta secca, argento ed oro. Proseguimento per effettuare una interessante visita a Noraduz, un antico cimitero medievale dove si possono trovare numerose croci su pietra, chiamate Khachkar risalenti al VII-X secolo. Al termine ripartenza per raggiungere il lago Sevan, il più grande lago alpino nel mondo a 2000 metri s.l.m. che comprende il 5% della superficie dell’Armenia. Escursione nei dintorni del Lago Sevan, dove su di una penisola si possono trovare dei monasteri. Continuazione in direzione della città di Dilijan, una delle località di villeggiatura più famose del paese. Il fascino di Dilijan ricorda la Svizzera, tanto che un detto popolare recita: “Se il paradiso avesse delle montagne, boschi e sorgenti minerali, sarebbe proprio come Dilijan”. Pernottamento in albergo a Yerevan.

6.GIORNO Yerevan/ Garni/ Geghard/ Matenadaran/ Vernissage/Yerevan

Dopo la colazione visita al parco commemorativo Tsitsernakaberd, il memoriale e il museo dedicati alle vittime dei stragi effettuate dal governo turco nel 1915. In seguito visita al Museo della Storia d’Armenia. Partenza per il Tempio Garni, l’unico tempio pagano situato in Armenia e nel Caucaso. È un suggestivo monumento del periodo ellenistico e un impressionante esempio dell’architettura antica armena. È stato costruito nel I secolo d.C. dal re armeno Tiridate ed è dedicato al dio pagano Mitra – dio del sole, la statuetta del quale era messa nel santuario. Dopo la proclamazione del cristianesimo come religione di Stato in Armenia nel 301, il tempio è stato probabilmente utilizzato come residenza estiva reale. Pranzo in una casa locale a Garni dove avrete l’opportunità di partecipare al processo della preparazione del pane nazionale armeno “Lavash” nel forno sotterraneo tradizionalmente chiamato “tonir”. Proseguimento per il villaggio di Geghard, per effettuare la visita dell’eco villaggio “HyeLandz”, ideale per chi ama la natura e gli animali. Qui avrete la possibilità di conoscere il proprietario del villaggio ed avere idea dell’agriturismo privato e del prodotto eco cibo. A nord-est di Garni, nella valle superiore della gola del fiume Azat, c’è un magnifico monumento d’architettura medievale armeno, il monastero Geghard iscritto nel patrimonio mondiale di UNESCO. Geghard è un altro incredibile monastero, in parte scavato nella roccia. Geghard che in armeno significa lancia, prende il nome dalla lancia con cui hanno trafitto Gesù Cristo Crocefisso. Questo monastero è famoso per la sua incredibile acustica e al suo interno vengono organizzati dei concerti eseguiti da un coro vocale medievale. In Armenia si dice che “L’architettura ecclesiastica armena è l’unica lingua a parlare con Dio”, e la testimonianza di queste parole la troverete proprio nell’atmosfera mistica di questo monastero. Rientro a Yerevan. L’ultima visita della giornata è dedicata al mercato all’aperto del Vernissage, dove si possono trovare centinaia di visitatori attenti ad ammirare i numerosi dei quadri dei pittori armeni e oggetti d’arte e di artigianato nazionale, che sorprendono per raffinatezza dello stile e per la fantasia nelle creazioni. In questo mercato di possono anche trovare degli interessanti pezzi d’antiquariato, tappeti e kilim armeni e caucasici. Cena di arrivederci in ristorante locale. Dopo la cena trasferimento in aeroporto.

7.GIORNO Yerevan-Bologna

Trasferimento in tempo utile  in aeroporto e partenza per l’Italia con transito a Mosca. Arrivo a Bologna nella mattinata.