La bellezza e i colori di uno spettacolo floreale unico. Un luogo mistico e quasi magico dove uomo e natura si fondono per ritrovare una primordiale armonia. Durante la fioritura la piana cambia volto e veste e si trasforma in un tripudio di sfumature variopinte, grazie a quello che viene considerato un vero e proprio spettacolo della natura.

 

1°        giorno             venerdì 25 giugno                 Rimini Spoleto Cascia
Ritrovo e partenza dei signori partecipanti alle ore 6.30 da Piazzale Caduti di Cefalonia e partenza  alla volta di Spoleto. Arrivo e visita guidata alla scoperta dello splendido centro storico della città Spoleto, dove la natura e l’arte hanno trovato il luogo perfetto per mostrare il meglio dell’eredità Umbra. In queste giornata e Spoleto si tiene il Festival dei Due Mondi, conosciuto anche col nome di Spoleto Festival, è una manifestazione internazionale di musica, arte, cultura e spettacolo che si svolge annualmente nella città di Spoleto, dal 1958. E’ un evento che esalta l’arte in ogni sua espressione, dalla musica, alla danza, al teatro, alla pittura, in uno scenario a dir poco da favola: il centro storico di Spoleto dove il fulcro della manifestazione, Piazza Duomo, si può considerare un teatro all’aperto. Passeggiata nel centro storico della citta’  visita al Duomo di Spoleto  Pranzo in ristorante. Al termine della visita trasferimento a Cascia, la città di Santa Rita, sorge sul colle di Sant’Agostino, antico castello di pendio, lambito dalle acque del fiume Corno. Visita alla Basilica di Santa Rita, cuore pulsante della città. Fulcro di spiritualità, accoglie ogni anno migliaia di pellegrini che vengono a rendere omaggio alla Santa degli Impossibili. Eretta per custodire il corpo della Santa, la struttura risale ai primi anni ’30 del Novecento. Si accede ad essa attraverso il lungo viale porticato che le fa da cornice. Adiacente la Basilica, il Monastero di Santa Rita, ove la Santa visse per quarant’anni della sua vita. Qui è possibile ammirare alcune reliquie appartenute alla Santa. Trasferimento in hotel, sistemazione nelle camere riservate, cena e pernottamento.

2°        giorno             Sabato 26 giugno                  Spoleto – Castelluccio di Norcia – Vallo di Nera –Prima colazione in hotel e partenza per Castelluccio di Norcia, piccolo paesino caratteristico chiamato anche il tetto dell’Umbria per la sua fantastica posizione, è un borgo posto in cima ad un colle che si eleva sull’omonimo altopiano. Una delle meraviglie dei Monti Sibillini che regala scenari suggestivi e qualcosa di unico per la splendida visione che questo evento regala ogni anno, tra fine Giugno e metà Luglio, è la stupefacente fioritura delle lenticchie di Castelluccio di Norcia. Un dipinto per la grande vastità di colori che i pascoli assumono durante questo periodo, un mosaico di colori, con una variazione di toni, che vanno dal giallo ocra al rosso e non solo. Si parla di fioriture poiché le specie floreali che tingono il Pian Grande e il Pian Perduto in questo periodo, sono innumerevoli, camminando lungo i sentieri possiamo incontrare: genzianelle, narcisi, violette, papaveri, ranuncoli, asfodeli, viola Eugeniae, trifogli, acetoselle e tant’altro. Pranzo in ristorante tipico con menù caratteristico a base di prodotti locali. Proseguimento per Vallo di Nera, tipico borgo medioevale dove si respira un’atmosfera senza tempo, quasi fiabesca. Qui ha sede la Casa dei Racconti, che raccoglie le storie della montagna e gli aneddoti trasmessi oralmente di generazione in generazione dagli abitanti della Valnerina. Il borgo conserva possenti mura e all’interno si presenta ancora con una struttura di paese-castello medievale, fitto di vicoli stretti e case di pietra chiara collegate da archi e sottopassaggi. Vi si trovano preziose chiese romaniche: la francescana S. Maria, S. Caterina e S. Giovanni Battista del XIII secolo. Al termine della visita trasferimento in hotel, cena e pernottamento.

3° giorno Domenica 27giugno  Spoleto – Bevagna – Montefalco – Rimini
Prima colazione in hotel e partenza per Bevagna, piccolo gioiello incastonato nel cuore dell’Umbria, un suggestivo viaggio nel tempo con la sua antica atmosfera medievale, tra maestri di bottega, stradine lastricate e case in pietra. Il borgo è inserito nel circuito dei Borghi più belli d’Italia, un luogo magico che sembra essersi fermato a mille anni fa, sospeso in un eterno Medioevo, con la bellezza immutata di quando era “Mevania”. L’antica cinta muraria con sei porte, i palazzi d’altri tempi, le botteghe dove maestri artigiani lavorano con tecniche millenarie, i monumenti, le vestigia romane e le chiese fanno di Bevagna uno scrigno di tesori da non perdere nella Valle umbra, laddove si incontrano le limpide acque del Clitunno, del Timia e del Teverone. Proseguimento verso una rinomata cantina dove faremo la visita e il pranzo a base dei prodotti tipici del territorio. Proseguimento verso il borgo umbro di Montefalco, anch’esso nel circuito dei Borghi più belli d’Italia, dove faremo una passeggiata tra i vicoletti del grazioso centro storico. Al termine partenza per il rientro a Rimini.