New York è pura energia. Tutto qui è esagerazione, dalle sfavillanti luci che illuminano il traffico di Time Square, alla magnificenza assoluta di Broadway, fino all’imponente Statua della Libertà. Centro economico e finanziario, capitale della moda e del design, ma anche di arte, musica, cucina e intrattenimento, New York non dorme mai. La grande mela è la città cosmopolita per eccellenza, come se riuscisse ad abbracciare il mondo intero e racchiuderlo nelle sue strade e nella sua gente, diventando così una metropoli unica e impareggiabile.

Pronti a partire e a vivere appieno l’atmosfera prenatalizia della città che ‘non dorme mai’?

 

 PROGRAMMA INDICATIVO DI VIAGGIO

 

1° GIORNO – Venerdì 3 dicembre             Rimini / Bologna / New York

Ritrovo dei sig.ri viaggiatori nel luogo ed all’orario convenuto e partenza con bus privato per l’aeroporto di Bologna. Partenza con volo di linea Lufthansa in direzione New York. Arrivo e trasferimento privato in hotel. Cena libera e pernottamento.

 

2° GIORNO – Sabato 4 dicembre             New York

Prima colazione in hotel. Incontro con la guida parlante italiano e partenza per il tour di Manhattan. Nel corso del tour vedremo il Lincoln Center, prestigiosa sede del Metropolitan Opera House, Central Park con passeggiata a Strawberry Fields presso il mosaico che ricorda la memoria di John Lennon, assassinato all’entrata del Dakota Building dove abitava. Ammireremo le eleganti e caratteristiche Brownstones di Harlem, il Flatiron Building, dalla caratteristica forma a ferro da stiro, con alle spalle l’Empire State Building, per poi fare due passi nell’iconico quartiere di Little Italy fino al confine con Chinatown e poi verso est fino al bellissimo punto di osservazione Two Bridges. Immancabile una sosta per ammirare il ponte di Brooklyn e il ponte di Manhattan e fare le fotografie. Ci sposteremo poi verso la punta dell’isola di Manhattan e il Distretto Finanziario e faremo una sosta a Battery Park con vista sulla Statua della Libertà, simbolo di benvenuto e di accoglienza verso i migranti che arrivavano dal mare. Sosta per ammirare il nuovo World Trade Center e termine del tour nel distretto del Meatpacking, sosta ideale per il pranzo libero. Nel pomeriggio tempo a disposizione per una passeggiata tra Chelsea e il Greenwich Village, due quartieri attigui, e molto caratteristici, più volte visti sia al cinema che in televisione. Si potrà percorrere la famosa Highline, un parco sopraelevato realizzato su una sezione dell’antica ferrovia in disuso, che portava le merci dal porto ai magazzini che avevano sede in questa zona. Lungo la Highline, recentemente completata, sculture, dipinti, giardini con piante rare ed officinali, e studios d’arte e di moda, dalle vetrate ampie ed illuminate. Rientro in hotel. Cena libera e pernottamento.

 

3° GIORNO – Domenica 5 dicembre       New York: Harlem

Prima colazione in hotel. Ritrovo del gruppo nella hall dell’hotel con la guida e partenza con pullman riservato per il tour Harlem Gospel, nel corso del quale visiteremo il quartiere di Harlem, a nord di Manhattan, per conoscerne la storia e l’immenso patrimonio culturale che rappresenta l’anima di questo leggendario Borough noto in tutto il mondo come la “Mecca Nera”. Questa esplosione di orgoglio culturale, definita “Harlem Renaissance” affonda le sue radici alla fine del 1800, quando un considerevole numero di Afro-americani –affrancati da secoli di schiavitù– migrarono dal Sud rurale al Nord urbano degli Stati Uniti. Potremo vedere l’enorme Cattedrale St John the Divine, la prestigiosa università Columbia dove ha studiato Barack Obama, il Teatro Apollo che ha tenuto a battesimo mostri sacri della musica come Ella Fitzgerald, Michael Jackson, Aretha Franklyn e al termine parteciperemo ad una Messa Battista con il tradizionale Gospel Choir, battendo le mani con i suoni gioiosi dei canti del Vangelo, rivivendo l’originale ambiente spirituale della Messa Gospel, una tradizione maturata dai tempi della schiavitù, quando i neri non erano in grado di leggere e non era loro permesso partecipare al culto dei bianchi. La Messa attuale ripercorre la storia dell’approccio religioso degli schiavi attraverso la vivacità dei cori e dei movimenti della cerimonia. Originariamente definito come strettamente religioso, il ‘Gospel’ è diventato un genere di tendenza e ha dato la sua impronta a tutti gli altri tipi di musica e cultura popolare. Al termine, dopo il pranzo libero, rientro in hotel. Cena libera e pernottamento.

 

4° GIORNO – lunedì 5 New York: i distretti

Prima colazione in hotel. Partenza per il ‘Tour dei contrasti’, si visiteranno i tre distretti: Brooklyn, Bronx e Queens in cui vivono le varie etnie che rappresentano la vera anima di New York.

Bronx: Conosciuto come la culla dell’hip hop, Il Bronx conta approssimativamente 1.4 milioni di residenti ed è per questo il quarto distretto più popolato di New York City. Grazie alla sua eterogeneità culturale, il Bronx offre stimoli e interessi per tutti i palati: per gli sportivi, lo Yankee Stadium nel Sud Bronx ospita le partite di Baseball delle Major Leagues. Gli amanti della tradizione Italiana si sentiranno a casa ad Arthurs’ Avenue, la Little Italy del Bronx. Per tutti, passaggio obbligato la Fordham University e il Grand Concourse Boulevard.

Queens: così chiamato per onorare Caterina di Braganza, Regina di Inghilterra, Scozia e Irlanda, è il distretto più vasto di New York City. Fra le sue attrazioni più famose, il Flushing Meadows Corona Park, creato originariamente per la Fiera Internazionale del Mondo nel 1939/40, ospita alcuni dei simboli del Queens a New York, come il Citi Field, lo Stadio ufficiale dei New York Mets, il Queens Museum of Art, lo Zoo del Queens, lo Stadio dove hanno sede gli US Open. Altri punti di interesse includono gli Studi televisivi Kaufmann, il quartiere greco di Astoria e il quartiere multietnico di Jackson Height.

Brooklyn: Se Brooklyn fosse una città indipendente, sarebbe la 4 città degli Stati Uniti, seconda solo a Chicago, con più di 2.6 milioni di residenti. Proprio la sua grandezza, ne rende una visita completa pressoché impossibile: il tour si concentra in particolare sul quartiere di Williamsburg, interessante soprattutto per una contrastante identità culturale: da una parte il mondo degli Ebrei Ortodossi, dall’altra, il mondo di una nuova generazione comunemente riconosciuta come hipster, che ha trasformato l’area in una vibrante roccaforte di arte, cultura e vita notturna sempre più all’avanguardia.

Pranzo libero. Pomeriggio a disposizione. Cena libera e pernottamento.

 

5° GIORNO – New York: Liberty Island

Prima colazione in hotel. In mattinata visita In mattinata trasferimento con i mezzi pubblici a Battery Park per l’imbarco sul il battello che conduce a Liberty Island, dove sorge la Statua della Libertà (Statue of Liberty), inaugurata nel 1886, è un monumento simbolo di New York e degli interi Stati Uniti d’America, uno dei monumenti più importanti e conosciuti al mondo. Il nome dell’opera è La Libertà che illumina il mondo (Liberty Enlightening the World in inglese).Fu realizzata dal francese Frédéric Auguste Bartholdi, con la collaborazione di Gustave Eiffel, che ne progettò gli interni; Con i suoi 93 metri d’altezza, che dominano l’intera baia di Manhattan a New York, essa risulta perfettamente visibile fino a 40 chilometri di distanza. Raffigura una donna che indossa una lunga toga e sorregge fieramente nella mano destra una fiaccola (simbolo del fuoco eterno della libertà), mentre nell’altra tiene un libro recante la data del giorno dell’Indipendenza americana (il 4 luglio 1776); Proseguimento in battello per Ellis Island, dove un tempo sbarcavano gli emigranti da tutto il mondo. Pranzo e pomeriggio libero per shopping e visite individuali. Cena libera. Pernottamento in hotel.

 

6° GIORNO – New York / —

Prima colazione in hotel. Mattina dedicata alla visita a Ground Zero,: 9/11 Memorial: a 10 anni dagli attentati, l’11 settembre 2011 ha aperto un nuovo centro per la memoria delle vittime, chiamato 9/11 Memorial. Il nome del progetto, Reflecting Absence, ha comportato da un lato la costruzione di due enormi vasche in quello che era lo spazio occupato dalle due torri, circondate da un bosco composto da 400 alberi. Sul bordo delle vasche sono incisi in delle placche di metallo i nomi delle 3.000 persone che hanno perso la vita sia alle torri, che negli altri luoghi degli attentati di quel tragico giorno e anche i nomi dei morti dell’attentato al World Trade Center nel 1993. Pranzo libero e salita al Top Of The Rock per ammirare il panorama e salutare New York, prima di salire sul bus per l’aeroporto in tempo per il volo di rientro.

Pernottamento a bordo.

 

7° GIORNO – Bologna / Rimini

Sbarco all’aeroporto di Bologna previsto per le 12.15. Trasferimento privato a Rimini.

 

L’ordine delle visite e delle escursioni può essere soggetto a variazioni per ragioni organizzative