Un Paese che incanta per bellezza e diversità, delizia con i fasti colorati, arricchisce con la cultura, sbalordisce con la modernità abbraccia con il calore e avvolge con la ospitalità

Pensate all’India come a un mondo a parte, diverso e che da solo può offrire tutto: un mondo antico che conserva millenni di storia, di arte e di cultura; un mondo cosi permeato di religiosità che fa dei suoi Dei e delle cerimonie religiose una presenza costante nella propria vita. Un mondo dove passato e presente convivono, le industrie con i festival, le fiere con i satelliti lanciati nello spazio. Per quanto abbiate letto e sentito raccontare, l’esperienza di un viaggio in India non si può trasmettere appieno: è da vivere direttamente, assaporarla con tutti i sensi: sentire nelle strade la fragranza del legno di sandalo, dei gelsomini che il venditore offre con grazia, vedere i picchi dell’Himalaya, la pianura, i deserti e le foreste tropicali. Differenti razze, culture, linguaggi, ambiente, disegnano in India scenari sempre diversi. In India si gusta un autentico té inglese nei grandi alberghi, si è catturati dalla grazia delle danzatrici, ci si unisce alla folla gioiosa che celebra i suoi festival… gli splendori dell’India non hanno fine.

PROGRAMMA DI VIAGGIO

1° giorno: mercoledì 08 novembre – ITALIA / DELHI
Ritrovo dei sig.ri partecipanti nel luogo ed all’orario convenuto e trasferimento con bus privato all’aeroporto di Bologna. Partenza con volo di linea Turkish verso Delhi. Pernottamento a bordo.

2° giorno: giovedì 09 novembre – DELHI
PENSIONE COMPLETA. Arrivo all’aeroporto di Delhi. Assistenza e trasferimento in hotel per la colazione. Giro turistico tardi di vecchia Delhi. Delhi – la capitale dell’India, è una città affascinante, con complessità e contraddizioni, bellezza e dinamismo, dove il passato coesiste con il presente. La città è ricca di architettura di diverse dinastie. Delhi è non solo l’attuale metropoli indiana, ma anche una necropoli. Visita al Red Fort (solo dall’esterno). Elegante cittadella di Shah Jehan in arenaria rossa, che è stato costruito con struttura ottagonale circondato da un fossato 9 metri di profondità, che era al suo inizio alimentato dalle acque del fiume Yamuna. Il forte è entrato dalla Porta Lahori e conduce ad un passaggio coperto chiamato Chatta Chowk. Il Naqqar Khana (casa tamburo) alla fine di questo passaggio segna l’ingresso al recinto reale. Le visite proseguono con la tomba di Humayun – la magnifica struttura in arenaria rossa e marmo bianco è uno dei migliori esempi di tomba giardino e un precursore del Taj Mahal. I suoi spazi proporzionati, la doppia cupola e la raffinata eleganza sono caratteristiche di architettura di Mughal. Visita all’India Gate, il memoriale della prima guerra mondiale e la strada che conduce da lì a Rashtrapathi Bhawan – la residenza del Presidente dell’India, che è fiancheggiato dagli edifici del Parlamento e del Segretariato del governo. Pranzo in corso di escursione. Cena e pernottamento a Delhi.

3° giorno: venerdì 10 novembre DELHI / JAIPUR (220 km – 5 ore circa)
PENSIONE COMPLETA. Colazione. Visita al Qutab Minar, una Torre della Vittoria che è stata costruita nel 12° secolo da Qutbuddin Aibak. All’interno del suo ampio cortile si trova la colonna di ferro, che risale al 4° secolo d.C. e reca un’iscrizione in sanscrito in stile Gupta. Il pilastro ha lasciato perplessi gli scienziati sul come il suo ferro non si sia arrugginito in tutti questi secoli. Al termine trasferimento a Jaipur. Jaipur – la capitale del Rajasthan è di colore rosa, il colore associato all’ospitalità nella cultura Rajput. Città caratterizzata dai palazzi che raccontano fiabe, fortezze arroccate su aspre colline brulle e ampi e pittoreschi viali. La prima città pianificata del suo tempo, è circondata da un muro formidabile. Pranzo in corso di escursione. Arrivo a Jaipur e check-in in albergo. Cena e pernottamento.

4° giorno: sabato 11 novembre – JAIPUR
PENSIONE COMPLETA. Colazione. Escursione al Forte Amber; salita a dorso di elefante per raggiungere il palazzo, un’esperienza davvero indimenticabile. All’interno del Forte visita alla Sala della Vittoria o Jag Mandir – è il famoso Sheesh Mahal – una stanza con tutte e quattro le pareti e il soffitto completamente ricoperte da scintillanti pezzi di specchio, che sono stati appositamente importate dal Belgio in quel periodo. Continua il viaggio con il tour della città di Jaipur; si visita il palazzo del Maharaja, l’ex residenza reale, parte di essa è stata trasformata in un museo. Una piccola parte è ancora utilizzato dalla famiglia reale di Jaipur. Una delle principali attrazioni del museo è la parte conosciuta come Armory Museum, che ospita una serie impressionante di armi: pistole, spade e fucili. Quindi visita del Jantar Mantar (Osservatorio), che è il più grande osservatorio artigianale in pietra e marmo, con i suoi 17 grandi strumenti, molti dei quali ancora in condizione di lavorare. Durante il tour si avrà anche una breve sosta fotografica al Hawa Mahal – Palazzo dei Venti. In serata visita dei mercati locali di Jaipur. Pranzo in corso di escursione. Cena e pernottamento a Jaipur.

5° giorno: domenica 12 novembre JAIPUR / ABHANERI / FATEHPUR SIKRI / AGRA (245 km – 5 ore circa)
PENSIONE COMPLETA. Dopo la prima colazione, check-out e trasferimento ad Agra. Durante il tragitto sosta per la visita ad Abhaneri e Fatehpur Sikri. Abhaneri: è un piccolo villaggio del distretto di Dausa, nel nord del Rajasthan; si trova a 95 chilometri da Jaipur, lungo l’autostrada Jaipur-Agra. Il nome attuale del paese, “Abhaneri”, si crede essere una storpiatura di “Abha Nagri” o la “città luminosa”. Questo antico borgo del Rajasthan è rinomato per i suoi monumenti pre-medievali, come il Chand Baori e il tempio Harshat Mata. Anche se il paese è in rovina, i turisti affollano il villaggio per vedere Chand Baori che è un un’idea unica concepita dagli indigeni come un serbatoio d’acqua. Quindi visita a Fatehpur Sikri. Questa squisita città costruita da Akbar il Grande nel 1569, in arenaria rossa, con le sue fortezze, palazzi e moschee è stata abbandonata 14 anni dopo la sua creazione a causa di ragioni politiche. Il Diwane-i-Am – un vasto cortile in cui l’imperatore ha dato udienza pubblica giornaliera; Diwane-i-Khas – un grande quadrilatero che conteneva tutte le principali funzioni della corte Palazzo; Pachisi, residenza privata degli imperatori. Si prosegue poi con il Palazzo di Jodha Bhai, il Palazzo di Mariam, il Palazzo Birbal, Hawa Mahal e Panch Mahal sono solo alcuni degli edifici più importanti di questo complesso residenziale. La Moschea del Venerdì e la tomba di Sheik Salim Chisti sono separati dagli edifici secolari. Pranzo in corso di escursione. Proseguimento ed arrivo ad Agra e check-in in albergo. Cena e pernottamento.

6° giorno: lunedì 13 novembre – AGRA
PENSIONE COMPLETA. Di primissima mattina visita al Taj Mahal, costruito a metà del 17° secolo dall’imperatore Moghul Shah Jehan per la moglie Mumtaz Mahal è il più grande monumento che simboleggia l’amore e una delle meraviglie del mondo moderno. Completato nel 1652, da abili artigiani dalla Persia, Turchia, Francia e Italia e circa 20.000 operai che hanno lavorato per 22 anni per costruire questo edificio; mausoleo per l’amata regina Mumtaz Mahal. Il marmo è stato portato da Makrana, nei pressi di Jodhpur e le pietre preziose come onice, ametista, malachite, lapislazzuli, turchese, giada, cristallo e madreperla sono state portate ad Agra dalla Persia, Russia, Afghanistan, Tibet, Cina e Oceano Indiano. Dopo aver visitato il Taj Mahal rientro in hotel per la prima colazione. Quindi visita al Forte di Agra e Itimad-ud-Daulah. Il Forte di Agra costruito da tre imperatori Mughal, a partire da Akbar il Grande nel 1565 d.C., è un capolavoro di progettazione e costruzione. All’interno della fortezza vi sono una serie di edifici tra cui il Moti Masjid, il Palazzo Jahangir, Khaas Mahal e il Sheesh Mahal, Diwane-i-Am, Diwane-i-Khas e Musamman Burj, in cui Shah Jahan, il quinto imperatore Mughal è morto prigioniero. Più tardi visita alla tomba di Itimad-ud-Daulah o il “baby Taj”, un memoriale in marmo con intarsi costruito nel 1628 da Nur Jahan, regina di Jehangir, per suo padre Mirza Ghiyas Beg. Pranzo in corso di escursione. Cena e pernottamento ad Agra.

7° giorno: martedì 14 novembre AGRA / JHANSI (treno 08:03-10:43) / ORCHA (20 km)
PENSIONE COMPLETA. Colazione, check-out e trasferimento alla stazione ferroviaria di Agra per il treno per Jhansi. Assistenza all’arrivo alla stazione di Jhansi e trasferimento a Orchha. L’attrazione principale di Orchha è il complesso Orchha Fort, situato su un’isola sul fiume Betwa, con un gran numero di palazzi da visitare all’interno di esso. Un ponte a quattro archi conduce al complesso sull’isola. Il Jahangir Mahal, che è stato costruito da Bir Singh Deo nella prima parte del 17° secolo in occasione della visita dell’imperatore Mughal, è un importante monumento di questo forte. E’ noto per il suo lavoro delicato da un lato e bilanciato con forte muratura sull’altro. Raj Mahal, il secondo palazzo in questo complesso è ben noto per i suoi murales, raffiguranti temi religiosi. Il Rai Parveen Mahal, dedicato alla poetessa-musicista del 17° secolo, è il terzo palazzo all’interno di questo complesso ed è situato tra dei bellissimi giardini ottimamente curati. Pranzo in corso di escursione. Cena e pernottamento a Orchha.

8° giorno: mercoledì 15 novembre ORCHA / KHAJURAHO (175 km – 04 ore e 30 m circa)
PENSIONE COMPLETA. Colazione, check-out e trasferimento a Khajuraho. Arrivo Khajuraho e check-in in albergo. Khajuraho, antica “Kharjuravāhaka”, deriva dalle parole sanscrite kharjura = “palma da dattero” e vāhaka = “colui che porta”. Il gruppo di momenti di Khajuraho è stato classificato come patrimonio mondiale dell’UNESCO, ed è considerato una delle “sette meraviglie” dell’India. La città tempio di Khajuraho è molto diversa da qualsiasi altra città tempio dell’India. I templi di Khajuraho sono famosi per l’erotismo inciso sulle pareti sotto forma di sculture. Questi templi furono costruiti dai governanti della dinastia Chandela in un arco di 200 anni, dal 950 al 1150. Ci sono stati in origine più di 80 templi indù, di cui solo 25 ora sono in discreto stato di conservazione, sparsi su una superficie di circa 20 chilometri quadrati. Oggi i templi sono esempi fini di stili architettonici indiani ed hanno guadagnato popolarità per la loro rappresentazione esplicita della vita sessuale durante il medioevo. Nel pomeriggio visita al gruppo orientale e occidentale dei Templi. Fra gli orientali il Tempio Parsvanatha, il Tempio Adinatha e il Tempio Santinatha. Le colonne sono riccamente scolpite sulla parte esterna con belle figure di divinità indù e dee. Gli occidentali consistono in un gruppo di templi artistici costruiti in pietra arenaria. Le sculture di divinità indù, ballerini e musicisti, sembrano essere così naturali e quasi vive. Pranzo in corso di escursione. Cena e pernottamento a Khajuraho.

9° giorno: giovedì 16 novembre – KHAJURAHO / VARANASI (volo)
PENSIONE COMPLETA. Colazione e tempo a disposizione. Trasferimento in aeroporto per imbarcarsi sul volo per Varanasi. Assistenza in arrivo in aeroporto e trasferimento in hotel. In serata visita al Dashwamedh Ghat, per ammirare la preghiera della sera sul sacro Gange, condotta ad ogni tramonto da cinque sacerdoti vestiti di bianco. Questi cinque giovani ondeggiano nei movimenti apparentemente coreografici, per adorare la dea del fiume con l’incenso, canfora, fiori e lampade di terra. Migliaia di lampade illuminate sono immerse nelle acque del Gange dando un aspetto divino del fiume al tramonto. Ottimo momento per la fotografia. Pranzo in corso di escursione. Cena e pernottamento a Varanasi.

10° giorno: venerdì 17 novembre – VARANASI / DELHI (volo)
PENSIONE COMPLETA. All’alba giro in barca lungo il Gange. All’alba il fiume sacro è veramente tranquillo e si possono ammirare i pellegrini che pregano con i piedi in acqua fino alla vita; si prosegue con la parte dei “ghat ardenti” in cui gli indù cremano i loro morti. Questo viene fatto con grande fervore religioso dando un’esperienza commovente. Le visite proseguono con la Banaras Hindu University fondata nel 1916 e il suo famoso Museo Bharat Kala Bhavan, che ospita una delle più belle collezioni di dipinti in miniatura moghul e tessuti in broccato. Si prosegue con il Bharat Mata e il Tempio di Durga, il famoso tempio Vishwanath, con le sue guglie coperti d’oro, dedicato a Shiva, la divinità che presiede della città. Successivamente trasferimento a Sarnath. Il luogo in cui il Buddha girò la Ruota della Legge e consegnato il suo primo sermone. Si ammira il Chowkandi e Dhamek Stupa, le rovine di monasteri del 9° e 10° secolo, il tempio costruito dalla Società Mahabodhi nel 1931 e il tempio tibetano. Visita al famoso museo di Sarnath. Dopo il pranzo, trasferimento in aeroporto per imbarcarsi sul volo di ritorno a Delhi. Arrivo a Delhi e trasferimento in hotel. Cena e pernottamento a Delhi.

11° giorno: sabato 18 novembre – DELHI / ITALIA
Trasferimento notturno in aeroporto alle ore 03:00. Partenza per l’Italia e, dopo lo scalo a Istanbul, arrivo a Bologna. Trasferimento privato a Rimini.